STOPPANI. BRESCIANINI VENGA SUBITO RIMOSSA.

11917480_439773642870255_8361348015296922292_n

Stoppani, un incubo al cromo che da anni minaccia la salute dei cittadini di Cogoleto, Arenzano e Varazze. Durante i suoi 100 anni di attività, a causa dei suoi rifiuti pericolosi e tossici, sono stati accertati gravi situazioni di inquinamento di aria, suolo, sottosuolo, sabbie delle spiagge delle due località ed oltre, a ponente sino a Varazze nonché nei sedimenti e nella catena alimentare (pesci, molluschi, crostacei) dovuti a cromo esavalente (estremamente cancerogeno) e zinco nella discarica dei fanghi di risulta in località Molinetto, polveri, SO2 in atmosfera.

Un disastro che è costato numerose vite e una devastazione totale del territorio circonstante.

Apprendiamo oggi come ci siano 17 indagati collegati alla gestione e all’appalto per la discarica MOLINETTO, dalla parte opposta del Comune di Cogoleto, situata al confine con il Comune di Varazze.

Sospetta asta truccata per la gestione dei rifiuti ex Stoppani.

Oltre a Brescianini (Commissario Straordinario della Bonifica) sono indagati Vittorio Aspalanato (geologo della Struttura commisariale per emergenza ex Stoppani), Marco Canepa (referente tecnico della Struttura commissariale), Claudio Cabri (titolare della ditta Riccoboni) e poi i consulenti della ditta Giovanni Ferro, Sergio e Marco Pancaldi. I militari hanno sequestrato agende, computer, telefoni, documenti e preventivi. Le perquisizioni sono state fatte negli uffici della Brescianini e della ditta, ma anche nelle abitazioni private e negli studi.

Asta pilotata, come sempre, come al solito, come con Expo, come con il Mose, come con la Tav e il Terzo Valico il business dei rifiuti si rivela ancora una volta al centro delle trattative tra politica e malaffare. A questa gente non interessa la salute dei cittadini, a questa gente non interessa il rispetto delle norme, visto che la discarica MOLINETTE è, di fatto oggi, una discarica di “Rifiuti Speciali” quando non ha le caratteristiche (vicino a centro sportivo, a pochi metri da un fiume che è già esondato parecchie volte). Queste persone derogano, agiscono pensando solo al profitto, ora c’è il sospetto da parte della finanza su un appalto scritto AD HOC per la ditta appaltatrice (vinto dalla Riccoboni, unica partecipante ad aggiudicarsi la gara. Secondo i pm, il progetto aggiudicatario starebbe stato redatto e costruito ad arte prima della pubblicazione del bando pubblico in modo da permettere alla sola Riccoboni di partecipare e vincere.)

I Cittadini di Cogoleto hanno già pagato a caro prezzo 100 anni di Stoppani, oggi la Bonifica deve essere portata a termine nel minor tempo possibile, deve essere fatta una gara d’appalto vera, il materiale stoppani deve essere portato in una discarica a norma e con le caratteristiche necessarie per lo stoccaggio di Cromo esavalente, la discarica di MOLINETTO oggi è in mano ad un privato che per far cassa deciderà di sotterrare l’amianto estratto dai lavori del TERZO VALICO sempre giocando con la salute dei cittadini. Questo è inacettabile, in un paese civile e normale non possiamo accettarlo.

Oggi Galletti, attuale Ministro dell’Ambiente, DEVE alzare il telefono e rimuovere immediatamente la signora Brescianini dal suo ruolo, inutile, dannoso e pericoloso sia per i cittadini sia per le casse pubbliche.

Dalle prime dichiarazioni tutti sono sereni, come sempre, tranne i cittadini che come sempre devono assistere a tutto questo.

Se ti piace il post, condividilo. Grazie.