CEMENTO ZERO NON VUOL DIRE STARE FERMI

albergo_diffuso_sauris_Main

Qualche giorno fa ho parlato di come la Politica ligure di “Sinistra” dalle sempre larghissime intese con la “DESTRA” ligure ha “impestato” il nostro territorio, con vocazione puramente turistica e di piccolo commercio, in una succursale Padana, Centri Commerciali e tanto tanto cemento per fare case case e case. Tutto in mano alle solite cooperative. Bene uno dei punti che al Movimento sta più a cuore è la questione “CEMENTO ZERO”.

“Belin, ma ti è abbellinou…” in media le frasi dei miei conterranei iniziano sempre così quando intraprendo questo discorso…ma vi assicuro che dopo aver spiegato bene la nostra idea le facce cambiano…

Cemento Zero per noi vuoi dire “RIPRISTINARE QUELLO CHE GIÀ C’È”.

Noi vogliamo che le nostra bellissime cittadine liguri vengano curate e coccolate dall’interno, dal centro storico, fatto di storia, arte, cibo e tradizione. Noi siamo contro le mega strutture nuove che sorgono come funghi nelle periferie, proprio come l’hinterland milanese, questo è inaccettabile. I centri storici hanno una storia e noi la vogliamo preservare e mostrare al mondo.

Ma vi faccio un esempio.
Quando noi saremo in Regione punteremo il tutto e per tutto su questo, incentivare il più possibile la riqualificazione e il recupero. Allora, quando nasce un grosso centro commericiale, per la maggior parte delle volte viene gestito da banche, grandi cooperative edili, e Palazzinari il più delle volte con la fedina penale sporca.
Non fatevi fregare dalla scusa “Ma noi portiamo lavoro…” FALSO. Queste imprese non fanno mai o quasi mai lavorare gente del posto, hanno operai per lo più stranieri e i materiali da costruzione arrivano da chissà dove. Risultato? Periferie-Dormitorio, Cemento ovunque, Centri Commerciali, CENTRI STORICI abbandonati, svuotati e decadenti. Questo è quello che vogliamo??? PER NOI È UN SECCO NO.

Ora, seconda strada, riqualificare. Con la struttura già in piedi noi facciamo in modo che piccole aziende locali, che so, idraulici, elettricisti, esperti in demotica, architetti, muratori, ecc ecc possano lavorare senza concorrenza di mega cooperative che non sono interessate a quel tipo di lavoro, noi muoviamo indotto direttamente nel locale. Risultato? Lavorano le piccole aziende locali, si genera indotto, i centri diventano sempre più belli e ricchi, i centri storici non si svuotano, le attività commerciali rimangono vive, le cittadine rimangono sempre più belle, capaci di attrarre sempre più turisti. Parlando di turismo questa idea la possiamo portare anche al settore alberghiero, portando avanti il progetto di “Albergo diffuso” proprio come hanno fatto i ragazzi del Movimento 5 Stelle Sanremo​ con la loro mozione sull’albergo diffuso.
Questo siamo noi, idee semplici e precise.
Questa è la nostra visione, condivisibile o no, ma è la nostra visione, chiara e semplice.

Se ti piace il post, condividilo. Grazie.